Sito ufficiale Comune di Porano

  1. Siete qui:
  2. Home page
  3. > La Città
  4. > Evidenze monumentali

Evidenze monumentali

L'intero paese può essere considerato un monumento. Il fulcro è indubbiamente Castel Maggiore, nucleo originario dell'antico castello, che rappresenta il luogo medioevale per eccellenza. Vi si giunge passando per un dedalo di scalette e viuzze, che talvolta si allargano a formare angoli pittoreschi e piccoli slarghi. Uno di questi, la "Piazzetta", sapientemente costruita in armonia di spazi e pietre, racchiude tutto il mistero ed il fascino del passato.

castel maggiore

Notevoli le due Rocche medioevali, una posta a difesa della Porta del Sole, che guarda la stupenda vallata che tra boschi, calanchi e prati fioriti si spinge fino alle pendici dell'Amiata; l'altra, a pianta semicircolare, che vigila verso nord e via delle Mura, un balcone naturale che spazia sulla vallata del Chiani.

Tra le chiese, quella più ricca di storia è senza dubbio l'antica Pieve di Santa Maria Vecchia: costruita intorno al 1200, presenta un portale gotico di pregevole fattura e alcuni importanti affreschi della seconda metà del quattrocento.

Poi c'è Santa Maria Nuova, situata proprio al centro del paese, che risale agli inizi del XVII secolo: è in stile tardo rinascimentale, con pianta a tre navate e un notevole coro ligneo posto dietro l'altare maggiore; l progetto è attribuito a Ippolito Scalza.

L'Abbadia dì S.Nicolò al Monte Orvietano si trova invece a pochi chilometri dal Capoluogo: immersa nei boschi di un ambiente affascinate e selvaggio, fu costruita da S.Romualdo nel 1007, ed è stata dimora del fondatore dei diritto canonico, quel Monaco Graziano che nato a Ficulle nel XII secolo, scrisse il famoso "Decreturn Gratianii" ed è citato nel paradiso dantesco.

Forse il luogo di culto che sta più nel cuore dei ficullesi è la Chiesa della Madonna della Maestà: le più antiche e certe notizie su questo santuario, posto all'ingresso sud del paese, risalgono agli inizi del '600, quando viene nominato per la prima volta con appellativo di Madonna della Maestà. L'antico culto per questa Madonna, la cui festa cade il 21 novembre, è tuttora molto forte e coinvolge l'intera popolazione di Ficulle, compresi coloro che, emigrati, tornano tutti gli anni per partecipare alle celebrazioni religiose.

Tra Ficulle e la vecchia frazione di S. Cristoforo, troviamo la Chiesa della Madonna delle Grazie, altrimenti detta “ai Cappuccini": il convento e la chiesa furono edificati fra il 1580 e il 1587 sul luogo dove già esisteva una piccola cappella dedicata alla Madonna del Giglio. Nella costruzione fu utilizzato il materiale proveniente dalla vecchia chiesa e dal convento di S.Francesco al Monte, incendiati nel saccheggio del 1351 e, una volta terminato, il convento fu abitato dai frati Cappuccini, che vi restarono fino al 1863.

Altra costruzione medioevale da ricordare è certamente quella del Conventaccio, punto di osservazione fortificato posto sul fianco sud orientale del monte Nibbio che, sebbene ridotto ormai a poco più che un rudere, conserva ancora un certo fascino. I

Degno di nota è inoltre l'affascinante Castello della Sala, tipico esempio di architettura medioevale (Xll secolo) che si trova a 5 chilometri dal paese. Appartenne ai Monaldeschi, che ne fecero un fortilizio inespugnabile, ed è oggi sede di una fiorente attività vìtivinicola condotta dalla nobile famiglia dei marchesi Antinori.

data pubblicazione: 29 luglio 2007

Progetto ”Comuni Accessibili“

comuni accessibili

Progetto per i nuovi diritti di cittadinanza digitale

Con il contributo di

Crediumbria, banca di credito cooperativo

Partecipano al progetto i comuni di:

Realizzazione a cura di

Logo akebia

Per maggiori infomazioni leggi questo documento

Powered by Akebia | Web Content Management System Smart Control

Valid XHTML 1.0 Strict

Valid CSS2